L’importanza dell’esfoliazione per una pelle luminosa e sana

scrub esfoliante

 

Per avere una pelle bella e sana, è molto importante esfoliarla per sbarazzarsi delle cellule morte.

Le cellule vengono prodotte nello strato più profondo della pelle, e si muovono fino a raggiungere lo strato più esterno, l’epidermide. ‪Normalmente quando hanno raggiunto l’epidermide e completato il loro ciclo di vita, che dura circa un mese, la nostra pelle le espelle. Purtroppo il processo di espulsione non funziona sempre come dovrebbe, e le cellule che non vengono espulse,  possono rendere la carnagione opaca e spenta. Possono inoltre interferire con la secrezione di sebo dai  pori, causandone un accumulo che si trasforma in imperfezioni, acne, etc. ‪Un efficace metodo di rimozione di cellule morte,  consiste nell’ utilizzo di un esfoliante, ovvero una sostanza che scolla o rimuove strofinando, i residui di cellule morte dalla pelle. ‪Un’ esfoliazione regolare può aiutare a mantenere i pori liberi e puliti e migliorare la circolazione sanguigna, restituendo alla pelle un aspetto sano e luminoso. Inoltre permette ai successivi prodotti di trattamento di penetrare meglio nella pelle.
Adesso che abbiamo stabilito che esfoliare è importante, vediamo come si fa.
‪Le opzioni sono diverse: è possibile farlo in un centro medico o estetico, oppure in casa con  prodotti cosmetici ad hoc. ‪Un’ alternativa possibile è fare uno scrub casalingo, utilizzando ingredienti alimentari che tutti abbiamo in casa.
Quando parliamo di scrub ci riferiamo a quel tipo di esfoliazione meccanica che si pratica strofinando sostanze abrasive sulle pelle per rimuovere le cellule morte.
Come abrasivo casalingo possiamo usare per esempio il bicarbonato di sodio.  ‪Si potrebbe aggiungere un cucchiaino di bicarbonato (meno, se avete la pelle sensibile o matura) al detergente viso, per trasformare il lavaggio mattutino in un trattamento di pulizia più profondo. Il bicarbonato di sodio è però controindicato in presenza di acne, brufoli, dermatite seborroica e secrezioni sebacee. Per le pelli problematiche è sempre meglio ricorrere a prodotti specifici formulati in laboratorio.
Un’altra alternativa è lo zucchero. Lo zucchero deriva dalla canna da zucchero, che è una fonte naturale di acido glicolico, un alfa-idrossiacido.  ‪L’acido glicolico è efficace  sia nel rompere la proteina – la colla – che tiene le cellule morte attaccate alla pelle, sia a stimolare la produzione di nuove cellule. Ovviamente uno scrub fatto in casa con lo zucchero non ha l’efficacia del peeling all’acido glicolico, ma è sicuramente utile e  piacevole da fare.
Per uno scrub casalingo allo zucchero, si potrebbe mescolare una mezza tazzina di zucchero (bianco o di canna) con un pò di miele, fino ad ottenere la consistenza di una pasta ‪ da massaggiare delicatamente sulla pelle con movimenti circolari. Se volete, potete anche lasciarla in posa qualche minuto prima di risciacquare.  Questo scrub esfoliante si può usare su viso e corpo.
Anche il miele ha un suo ruolo nell’esfoliazione. Il miele grezzo, non raffinato, è un ottimo antisettico per uso  topico perché ha proprietà anti-batteriche, anti-virali e anti-fungine, il che significa che aiuta a ridurre l’insorgenza di infezioni della pelle e a combattere l’acne. ‪Contiene antiossidanti, che possono aiutare la pelle a  proteggersi e ripararsi da sola, ed è stato dimostrato che lenisce le infiammazioni. ‪Il miele aiuta anche ad accelerare il processo di esfoliazione naturale e grazie alle sue proprietà umettanti riesce ad esfoliare idratando.
Un’ esfoliazione regolare aiuta sicuramente a ridurre la comparsa di imperfezioni, ma se avete una pelle tendenzialmente acneica, è consigliabile evitare lo scrub durante gli  sfoghi. Eventuali piccole lacerazioni che possono risultare durante l’esfoliazione meccanica, potrebbero provocare la diffusione di batteri sulla superficie della pelle, aggravando l’acne.
Anche il sale è un buon esfoliante naturale, ma sul viso non è tollerato da tutte le pelli. Se volete provarlo sul corpo, mischiate sale e glicerina (facilmente reperibile in farmacia) per creare una pasta esfoliante da usare durante una doccia calda.
Lo scrub meccanico, soprattutto quello casalingo, potrebbe rivelarsi troppo aggressivo per le pelli delicate e causare fastidiosi arrossamenti. Per questo è importante ricordare di massaggiarlo molto delicatamente sulla pelle.
L’alternativa allo scrub meccanico è il gommage, un tipo di esfoliazione più delicata, ma molto efficace, che consiste nel massaggiare  o lasciare in posa sul viso una crema gommante. Le cellule morte si attaccano alla crema gommante e da questa vengono portate via quando la rimuoviamo e la  risciacquiamo.
Personalmente preferisco esfoliare il mio viso con un prodotto gommante, meglio tollerato dalla mia pelle, ma, saltuariamente, mi concedo uno scrub casalingo al miele e zucchero. In genere lo faccio sotto la doccia, quando il bagno è pieno di vapore acqueo, che aiuta a dilatare i pori per una pulizia più efficace. Ne preparo sempre un pò più del necessario, perché questo esfoliante è ottimo anche da mangiare!

Voi preferite lo scrub o il gommage? Avete mai provato uno scrub fatto in casa?

Comments

comments

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


9 × sette =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>