La pelle in aereo: come evitare la disidratazione e atterrare in forma TOP

Come difendersi dalla disidratazione in aereo

Viaggiare è bello ma purtroppo, soprattutto se il volo è lungo,  farlo in aereo è fortemente stressante per la pelle . 
Nella cabina degli aerei l’aria è infatti molto secca. La percentuale di umidità nell’aria che respiriamo in aereo è inferiore al 20%. Calcolate che l’umidità che abbiamo in casa generalmente è superiore al 30%. Gli effetti dell’aria secca della cabina si sentono immediatamente. La disidratazione può causare mal di testa, stanchezza e anche occhi, gola e pelle ne risentono moltissimo. Se ne accorge soprattutto chi porta le lenti a contatto, chi ha  la pelle secca in partenza e chi soffre di eczema. La sensazione di pelle che tira infatti si ha quasi da subito e l’eczema peggiora.
L’alta concentrazione di anidride carbonica nell’aria della cabina dell’aereo (superiore del 5% rispetto all’aria che respiriamo a terra) causata dal continuo riciclo della stessa aria, contribuisce ad asfissiare la pelle, altera la sua barriera idrolipidica e favorisce la perdita di luminosità. Anche l’alta pressione influisce perché volare è come stare a 2500 metri sopra il livello del mare, il che genera un abbassamento dell’apporto di ossigeno ai tessuti. Inoltre quando i voli sono di lunga durata, i cambiamenti del bioritmo e la perdita di sonno influiscono pesantemente sull’aspetto e la freschezza del viso perché si altera il processo di rigenerazione notturna.
Volare quindi provoca l’alterazione della microcircolazione cutanea (che può aggravare i casi di couperose), altera i processi di rigenerazione della pelle e  incrementa il processo di ossidazione e la mancanza di ossigenazione cellulare (fattori che contribuiscono ad accelerare il processo di invecchiamento).
Secondo i rapporti dell’OMS la scarsa umidità presente in cabina però non causa disidratazione interna quindi non è necessario bere più acqua del solito anche se molti lo raccomandano a titolo personale. Quello che invece bisogna assolutamente evitare sono caffeina e l’alcol per il loro effetto diuretico. Le bibite alcoliche in particolare producono una disidratazione profonda.
Per non subire eccessivamente  le conseguenze della disidratazione a bordo è consigliabile viaggiare senza trucco, applicare generosamente e frequentemente una buona crema idratante, un olio per il viso o un siero a base di acido ialuronico sul viso e sul collo, spruzzare spesso l‘acqua termale e bere solo acqua. Inoltre non dimenticate il balsamo labbra, la crema mani e  le lacrime artificiali, soprattutto se avete intenzione di trascorrere le ore di volo leggendo.

 

 

 

 

Comments

comments

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


× 6 = diciotto

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>