No More White Bits: autoabbronzante super ed economico

autoabbronzante-no-more-white-bits

Negli anni ’90 e nei primi anni 2000 era molto in voga essere super abbronzati. Probabilmente ricorderete Donatella Versace, ma anche Victoria Beckham, prima di diventare l’icona di stile che è oggi, sfoggiare coloriti improbabili e decisamente dark orange, quasi di certo da attribuire a intense sedute di autoabbronzanti vecchia scuola.

disastri-da-autoabbronzante-2

 

disastri-da-autoabbronzante

Erano tempi bui in cui anche qui in Italia capitava non di rado di vedere in giro le facce arancioni da autoabbronzante che purtroppo in Inghilterra e negli USA si vedono ancora.

Fortunatamente negli ultimi anni il trend è cambiato, e, a mio avviso, è cambiato in meglio. L’abbronzatura selvaggia ha lasciato il posto alla pale fashion tan, un’abbronzatura leggera del tipo che si può ottenere trascorrendo una giornata all’aperto e niente di più.
Anche gli autoabbronzanti oggi sono cambiati e, se prima si doveva fare molta attenzione a quale marca scegliere onde evitare di diventare maculati o arancioni, oggi più o meno tutti fanno il loro lavoro dignitosamente. Stando così le cose ho deciso di non investire più grossi capitali nell’autoabbronzante e ho voluto provare No More White Bits di Anatomicals in vendita su Asos a 5,49 euro.

La prova è stata più che soddisfacente e il prodotto in questione è risultato decisamente fantastico e con un incredibile rapporto qualità/prezzo.
Io lo uso più che altro sulle gambe dal ginocchio in giù, perché questa zona del mio corpo non si abbronza molto bene. Anzi quasi per niente. E funziona benissimo, scurendo leggermente la pelle in modo talmente naturale che nessuno direbbe che ho usato un autoabbronzante. Non lo direi neanche io se non lo sapessi con certezza!
No More White Bits c’è in due tonalità di colore la Medium che è la più chiara, e la Scura che è la più scura.
Nello specifico si tratta di una mousse leggerissima che si stende con estrema facilità, si sfuma benissimo e si asciuga in pochi secondi. Di fatto anche nelle zone più critiche come i piedi, non ho mai notato stacchi di colore o striature.
Un primo effetto “abbronzatura” è visibile istantaneamente. Inoltre con il tempo si sviluppa un’abbronzatura più intensa ma sempre molto naturale.
Anche quando con le docce il colore inizia a sbiadire e la finta abbronzatura inizia ad andar via, lo fa senza lasciare chiazze sulla pelle. Insomma No More White Bits è un autoabbronzante senza difetti e ha anche un flacone molto carino.

Sia che decidiate di provare  No More White Bits o un altro prodotto, ricordate che se volete che la vostra autoabbronzatura sia uniforme, è indispensabile esfoliare e idratare bene la pelle prima di procedere con l’autoabbronzante.

 

 

 

 

 

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Risolvi: *