Rose Otto di Dr. Organic: che delusione!

Dr Organic Rose Otto Tonico e latte detergenteDr. Organic è un marchio inglese che produce cosmetici eco-bio e naturali, utilizzando solo le migliori materie prime biologiche ed escludendo elementi chimici aggressivi e gli oli minerali. Questo almeno è ciò che dichiarano.
Quando ho scoperto questo marchio non vedevo l’ora di provare i loro prodotti, specialmente quelli della linea Rose Otto, che contengono olio essenziale di rosa, un ingrediente noto per i tanti benefici sulla pelle, tra cui l’effetto anti-age. Di questa linea ho provato sia il latte detergente Organic Rose Otto Cleansing Milk, che il tonico Organic Rose Otto Skin Toner e la delusione è stata grande.

Il latte detergente Organic Rose Otto Cleansing Milk è molto denso, ha un buon profumo, strucca abbastanza bene lasciando la pelle morbida, e apparentemente non mi ha creato problemi. (Dico “apparentemente” perché non sempre le irritazioni della pelle si manifestano con rossori). Il tonico Organic Rose Otto Skin Toner invece, mi ha provocato un fortissimo arrossamento del viso durato molte ore, e mi ha  lasciato la pelle secchissima, come se si fosse bruciata. Ho dovuto fare diversi impacchi di camomilla e applicazioni di Aquaphor per ritornare quasi normale. Insomma non è stato facile.  Una cosa del genere non mi era mai successa prima con nessun prodotto, neanche con quelli delle marche più economiche. L’arrossamento avviene perché in genere uno o più ingredienti sono irritanti. Gli ingredienti irritanti possono anche causare una produzione anomala di sebo da parte delle ghiandole sebacee e provocare uno squilibrio nella pelle.

delusione cosmetica
La cosa che però mi ha sbalordito di più è stato l’aver trovato nel web tanti commenti a questi prodotti (che potete leggere a questo link) di persone che avevano avuto un’esperienza simile o addirittura peggiore della mia. Come se non bastasse, questi commenti risalgono a quasi tre anni fa, e i loro autori dicono chiaramente di aver informato l’azienda produttrice, che si era impegnata a ricontrollare la formulazione affinché quanto accaduto a loro non si fosse più ripetuto.
Invece sembra che l’azienda non abbia fatto granché.
Ovviamente anche io ho provveduto a scrivere personalmente alla Dr. Organic, segnalando che il problema che avevo avuto doveva essere già cosa nota per loro e avrebbero già da anni dovuto fare qualcosa. Tutto quello che ho ricevuto è stato un e-mail con una lista di ingredienti a cui secondo loro avrei potuto essere allergica, e l’invito a provare anche linee differenti della loro vasta gamma. Non si sono né scusati né offerti di risarcirmi.
Anche l’INCI di entrambi i prodotti è stato scritto con grande furbizia. Al primo posto infatti, è stato messo l’estratto o succo di Aloe Barbadensis al posto dell’acqua, per far credere che la quantità di Aloe presente sia maggiore rispetto a quella dell’acqua e di tutti gli altri ingredienti. Ma questo è un vecchio trucco che sicuramente definisce chi lo mette in atto. In realtà il succo di Aloe contiene il 99,5% di acqua e circa lo 0,5% di parte solida. Metterlo al primo posto dell’ INCI non è molto onesto.
Inoltre, sarà un caso, ma alcuni negozi che vendevano questo marchio, tra cui le farmacie Essere & Benessere, lo hanno ritirato dai loro scaffali.
Oli essenziali e sostanze botaniche devono sempre essere usati con cautela e nelle dosi giuste, che in genere sono minime, perché possono rivelarsi molto aggressivi e danneggiare seriamente la pelle.
Purtroppo le parole organico ed eco-bio non sono una garanzia della validità di un prodotto. Spesso infatti le aziende di questo tipo sono piccole e non possono permettersi investimenti per formulare e testare come si deve i prodotti che intendono mettere sul mercato. Ci sono anche quelle aziende eco-bio furbette che diffondono false informazioni sulla presunta pericolosità di alcune sostanze “chimiche”, con il preciso intento di  spaventare i consumatori. Lo fanno per tentare di ritagliarsi una fetta di mercato che altrimenti non potrebbero avere, vista la mancanza di qualità dei loro prodotti.

Vi è mai capitato di avere una reazione così forte ad un cosmetico? Se sì, a quale?

 

 

 

Comments

comments

2 Commenti Rose Otto di Dr. Organic: che delusione!

  1. Elena

    Una volta in un negozio di cui preferisco non dire il nome ho visto che c’era questo tonico sugli scaffali ma il liquido in ogni bottiglietta aveva un colore diverso. Alcuni bianchi, altri marrone chiaro e altri ancora marrone scuro. In effetti ho pensato che fossero andati a male. Adesso che ho letto la tua esperienza e le altre, sono contenta di non averlo comprato.

    Rispondi
    1. Redazione

      Ciao Elena, per fortuna dopo tanti mesi ho smaltito la rabbia che ho provato nei confronti di Dr. Organic. Ciononostante secondo me si tratta di azienda poco seria e non comprerò mai più un loro prodotto.

      Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− uno = 8

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>